Comunicati Stampa


 

06.12.2013

TRANSBOZEN APRE LA STRADA AL NUOVO RENAULT TRUCKS T

TRANSBOZEN APRE LA STRADA AL NUOVO RENAULT TRUCKS T


Tra le prime prestigiose consegne ai clienti dei nuovi veicoli della gamma T di Renault Trucks, una veste la livrea dell'azienda di trasporto e logistica Transbozen di Barbiano, in provincia di Bolzano. L'impresa è specializzata nel trasporto e nello stoccaggio a temperatura controllata di prodotti alimentari deperibili e opera per importanti catene delle Grande Distribuzione Organizzata con un parco di trenta autoarticolati, quasi tutti marcati con la Losanga. L'ultimo acquisto è top di gamma: un trattore Renault Trucks T con motore 13 litri da 520 CV, cabina High Sleeper Cab con una dotazione completa di accessori e servizio di manutenzione e riparazione Start&Drive.

Nel 1979, Franz Hofer avviò la sua carriera di autotrasportatore fondando la Transbozen e mettendosi alla guida dell'unico autoarticolato dell'azienda. Come quelli di molti colleghi altoatesini, anche il camion di Hofer ha varcato il Brennero per svolgere trasporti verso il Centro Europa. Solo tre anni dopo, l'autotrasportatore aveva già un parco di tre automezzi, due telonati ed un isotermico e sarà proprio quest'ultimo ad indirizzare l'attività dell'impresa negli anni successivi, specializzatasi nel trasporto di alimentari deperibili a temperatura controllata. Insieme all'espansione del parco veicolare – che oggi ha raggiunto i trenta autoarticolati – Hofer ha anche progressivamente esteso l'attività alla logistica, costituendo nel 2004 la Logistica Transbozen insieme al figlio Rudolf, che nel frattempo lo ha affiancato nella gestione dell'impresa. Il ramo logistico opera con una piattaforma di 10mila metri quadrati situata vicino all'uscita autostradale di Chiusa, certificata con gli standard ISO 9001/2000 e IFS Logistic, cui si affianca un'altra struttura gestita dalla filiale austriaca.

“Oggi, Transbozen opera in tutta Europa, lavorando soprattutto per una importante catena internazionale della grande distribuzione organizzata, per cui svolgiamo il trasporto dai produttori italiani verso le piattaforme distributive dell'intero continente, dalla Spagna ai Paesi dell'Est, dove abbiamo una filiale con sede nella Repubblica Ceca”, spiega Rudolf Hofer. I semirimorchi frigoriferi dell'impresa altoatesina caricano qualsiasi tipo di merce deperibile: carne, prodotti ittici, frutta, verdura, derivati del latte. “I nostri camion percorrono 13-14 mila chilometri al mese ed i clienti pretendono sempre la massima puntualità e qualità del servizio. Per questo motivo, abbiamo un parco veicolare giovane e di elevata qualità, formato da automezzi affidabili e dai bassi consumi”.

Non sorprende, quindi, che Transbozen utilizza modelli Renault Trucks fin dalla sua nascita e che oggi la quasi totalità della flotta sia composta da Renault Trucks Premium e Magnum. “Siamo molto soddisfatti della Losanga, che offre camion confortevoli e dai bassi costi d'esercizio, grazie soprattutto ai consumi contenuti. Inoltre, i Renault Trucks Premium hanno una tara minore dei diretti concorrenti, fino a 900 chilogrammi, aumentando così la portata utile”, precisa Rudolf Hofer. Con una tale tradizione, l'autotrasportatore si è interessato alla nuova gamma Renault Trucks T fin dal suo esordio. “Ho visto dal vivo il primo esemplare la scorsa estate e mi è piaciuta subito la sua linea. Così, insieme a mio padre abbiamo deciso di acquistarne subito uno, per verificare sul campo le sue qualità”.

E per questo primo approccio, Hofer ha scelto il modello al vertice della gamma: il trattore con motore da 13 litri tarato a 520 CV e cabina High Sleeper Cab completa di tutti gli accessori. “Normalmente acquistiamo veicoli da 460 CV, ma per l'occasione ho voluto provare una versione più potente, per confrontare i consumi. Ho anche anticipato l'acquisto di un Euro 6, perché attraversiamo frequentemente l'Austria, dove questo tipo di motorizzazione ha agevolazioni economiche ed operative”. Hofer controlla i consumi con cadenza mensile attraverso il software dedicato Renault Trucks Infomax. E, sempre nell'ottica di tenere sotto controllo i costi, l'imprenditore altoatesino ha accompagnato l'acquisto del Renault Trucks T ad un contratto Start&Drive, che copre le spese di manutenzione e di riparazione: “In questo modo, ho la garanzia di costi fissi e programmati per l'intera vita operativa del veicolo”.

La chiave di questo esemplare del Renault Trucks T è stata consegnata a Rudolf Hofer da Stefano Ciccone, amministratore unico di Renault Trucks Italia. “Transbozen è un cliente storico di Renault Trucks e siamo molto contenti che abbia scelto un veicolo della nuova gamma T – commenta Ciccone – Siamo anche orgogliosi che abbia scelto l'ammiraglia della nuova gamma, che potrà così mostrare appieno le sue qualità in tema di prestazioni, consumi e comfort. Il terzo elemento di questo contratto che ci rende fieri è la scelta del servizio Start&Drive, il contratto di manutenzione e riparazione. Infatti, i servizi erogati rappresentano la chiave di volta dell'offerta Renault Trucks che accompagna il completo rinnovo della gamma e che mostra chiaramente la nostra prossimità al cliente”.

La prima consegna del Renault Trucks T rappresenta anche l'occasione per Stefano Ciccone per fare il punto sulle iniziative legate al lancio della nuova gamma in Italia: “Siamo partiti dal TruckEmotion di Monza, che ci ha regalato grandi soddisfazioni. Infatti, siamo stato il marchio che ha suscitato il maggiore interesse nel pubblico e un migliaio di persone ha provato la nuova gamma sullo storico circuito. In seguito, la nostra Rete ha organizzato Porte Aperte di uno o due giorni, con esposizione statica dei veicoli, mini-corsi sul loro utilizzo svolti dai nostri esperti e prove su strada. Un altro migliaio di persone ha guidato i Renault Trucks T in occasione di questi eventi, che proseguiranno fino a gennaio 2014. Siamo molto soddisfatti di tale esperienza e non solo dal punto di vista numerico. La maggior parte di coloro che ha impugnato il volante del nuovo Renault Trucks T, infatti, ha dichiarato di essere entusiasta di questo modello, con risultati statistici che superano le nostre migliori attese”.